Speciale Festival della Scienza Genova : Podcast Scientificast

Sta per giungere al termine la 10^ edizione del Festival della Scienza di Genova (25 ottobre-04 novembre 2012) di seguito pubblichiamo i podcast a cura dell’Associazione Culturale Scientificast  con le interviste ai protagonisti del Festival della Scienza.

Pillole di Festival

pillola n.1 : intervista ad Antonella Marasco, biologa e socia dell’Associazione IMG (Idee e Materie in Gioco), per il Festival della Scienza lavora al progetto “La Scienza in comune” e Martino Terrone, geologo animatore scientifico di Breathing Himalaya

pillola n.2 : intervista ad Enrico Carlo Arillo, animatore scientifico di “Che laboratorio vulcanico!” laboratorio organizzato in collaborazione con INGV e Pietro Francaviglia, medico e animatore scientifico di “Imaging the imagination”

pillola n.3: intervista ad Andrea Bosio, animatore scientifico di “Ginowa Hiar 2492″. Tra scienza e fantascienza; ad Alfonso Mantero, fisico e astrofilo, animatore scientifico veterano quest’anno assegnato all’evento “Futuro prossimo”  e Valentina Ortu, psicologa, animatrice scientifica di “Passioni” 

pillola n.4 : intervista a Marco Arscone, psicologo, fondatore dell’accademia Jedi e uno tra i curatori di “Jedi – alla scoperta delle tue potenzialità” e a Micol Arena, animatrice scientifica di “A.A.A. Cercasi interruttore” 

pillola n.5: intervista ad Anna Bozzano, biologa e ricercatrice, per il festival della scienza di Genova lavora come animatrice scientifica a “Piazza Europa”   a Gaspare Piemontese di Politecmed che lavora alla postazione “Il corpo fatto a fette” dove mostra quali sono le tecniche di acquisizione di immagini a scopo medico-diagnostico ed infine a Giovanni Coltro, animatore e responsabile dell’osservatorio presso il Museo del Balì, importante museo scientifico a Saltara (PU).

divulgazione scientifica ai sensi dell’art.70 della legge 633/41
Annunci

Autore: RADIO 100 passi Community Genova

Aristotele scrisse: “Gli uomini, all’inizio come adesso, hanno preso lo spunto per filosofare dalla meraviglia (thauma), poiché dapprincipio essi si stupivano dei fenomeni più semplici e di cui essi non sapevano rendersi conto, e poi, procedendo a poco a poco, si trovarono di fronte a problemi più complessi, come i fenomeni riguardanti la Luna, il Sole, le stelle e l’origine dell’universo”. Il mio non è un filosofare ma un continuare a meravigliarsi “thaumazein” .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...