Una fiamma che brucia ancora

Gli infiniti mondi di Bruno Giordano
Universum – C. Flammarion, intaglio in legno, Parigi 1888.
Colorazione: Heikenwaelder Hugo, Vienna 1998.a

415° ANNIVERSARIO DI GIORDANO BRUNO

 

Non so quando, ma so che in tanti siamo venuti in questo secolo per sviluppare
arti e scienze, porre i semi della nuova cultura che fiorirà, inattesa,
improvvisa, proprio quando il potere si illuderà di avere vinto.
(da Oratio valedictoria, 1588)

I più cari auguri a Giordano Bruno

che, pur arso, mai è andato in fumo.

(Danilo Breschi)

Per ricordare il 415° anniversario della morte di Giordano Bruno per mano dell’Inquisizione (17 febbraio 1600), riproponiamo il podcast “Il processo a Giordano Bruno” tratto dalla raccolta “Tra Storia e Mistero” realizzata da Livia Napolitano per Radiolibriamociweb.

Lo accompagna la riflessione di Isabel Jimeno Benitez, in Italia dal 2011, ha studiato filosofia a Salamanca in Spagna,  prosegue i sui studi filosofici a Genova, poetessa e appassionata sostenitrice dei diritti umani, della democrazia e della libertà di espressione.

Il filosofo Giordano Bruno, un giorno come oggi, 415 anni fa, morì con la lingua bloccata da una morsa di ferro e bruciato vivo nella Piazza Campo dei Fiori a Roma.  Accusato dalla Santa inquisizione di eresia, il suo peccato fu quello di affermare la presenza di Dio nel tutto e del tutto in Dio… Mise in discussione alcuni dogmi della Chiesa Cattolica ai quali non poteva credere senza la luce della ragione. Aspirava affannosamente alla libertà di pensiero alla quale non voleva rinunciare, ricercando l’uscita dell’ uomo dall’oscurità della fede cieca e irrazionale. Come tanti personaggi della storia del pensiero fu privato di vita con crudeltà. Ricordiamo nomi come Socrate, condannato a bere la cicuta perché corruttore dei giovani volendoli indurre allo spirito critico, o Ipazia di Alessandria,donna, matematica, astronoma e filosofa neoplatonica, la prima che scoprì il movimento ellittico degli astri. Fu accusata di eresia e stregoneria e fu messa a rogo dai cristiani. Il filosofo pagano Damascio, rievoca la brutalità della morte di Ipazia: «una massa enorme di uomini brutali, veramente malvagi […] uccise la filosofa […] e mentre ancora respirava appena, le cavarono gli occhi».

La storia di Giordano Bruno, come quella di Socrate, Ipazia e tanti altri è la storia di quelli che hanno dato la loro vita per difendere il pensiero libero, la ragione, la libertà e la sapienza. Quelli che solennemente hanno difeso l’essenza dell’essere umano: la capacità di pensare, di questionare, di domandare. L’uomo è filosofo per natura come il bambino che si stupisce, ha il diritto di chiedersi cosa sia il mondo, cosa siamo noi. L’essere umano ha bisogno di riflettere, senza essere sottomesso a nessuna credenza e nessun dogma, deve avere la possibilità del dubbio.

Giordano Bruno dixit: Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e achi ha ceduto le redini della sua esstenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo […] l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo. (da Spaccio della bestia trionfante, 1584).

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Diventa creativo,  tutelati e condividi : nottetempoblog@gmail.com

Annunci

Autore: RADIO 100 passi Community Genova

Aristotele scrisse: “Gli uomini, all’inizio come adesso, hanno preso lo spunto per filosofare dalla meraviglia (thauma), poiché dapprincipio essi si stupivano dei fenomeni più semplici e di cui essi non sapevano rendersi conto, e poi, procedendo a poco a poco, si trovarono di fronte a problemi più complessi, come i fenomeni riguardanti la Luna, il Sole, le stelle e l’origine dell’universo”. Il mio non è un filosofare ma un continuare a meravigliarsi “thaumazein” .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...