Da ON THE ROAD A “ONDE ROAD”

andare Vi risparmio l’ennesima descrizione del progetto, ho cercato di chiarirlo meglio che ho potuto nella sezione “CHI SIAMO”.

Questa volta, mi soffermerò brevemente sulla prima persona singolare “chi sono”.

In questi anni ho collezionato una serie di definizioni, stereotipi e clichè, tutti accolti con la curiosità di chi si aspetta di scoprire qualcosa in più su di sè che agli altri risulti immediato e tangibile.

Vi confesso però che l’immediato e tangibile degli altri, il più delle volte si è  rivelato essere visione riflessa di uno specchio deformato.

Di me so per certo che  mi è capitata la terra e la forma umana da abitare .

Sarei potuta essere roccia o polvere lunare, uno degli anelli perduti di Giove, la forma ossidata del Molibdeno di Marte.

Una certa visione romantica potrebbe suggerire “il frutto dell’amore”, ma quella certa visione romantica si esaurisce alla virgola che l’accompagna.

Il frutto di un caso, questo sì,  più o meno divertente, chissà, ma pur sempre un caso.

So per certo che il mio personale viaggio sotto forma umana non ha una meta ma un obiettivo:appagare una insaziabile sete di conoscenza, una  fuga  dalle convenzioni sociali, una vorace alimentazione della mia energia vitale .

Un viaggio di formazione personale, un moderno “On the road”  di “beat generation” che predilige  il concetto di “generazione sconfitta”, non intesa come resa ma come presa di coscienza e reazione.

Una lotta alla rassegnazione che sfrutta ogni forma di comunicazione possibile e la trasforma in  “ONDE ROAD” lanciate nel web per una condivisione libera e fruibile.

In sostanza la mia forma umana è alla ricerca di altre forme umane che intendono seguire nuove strade, scoprire nuovi linguaggi,  impegnare la propria energia vitale nell’arte e nelle cose in cui crede.

Unisciti al  viaggio se anche per te:  ” l’unica gente possibile sono i pazzi, quelli che sono pazzi di VITA, pazzi per parlare, pazzi per essere salvati, vogliosi di ogni cosa allo stesso tempo, quelli che mai sbadigliano o dicono un luogo comune ma BRUCIANO, BRUCIANO, come favolosi fuochi artificiali color giallo, che esplodono come ragni attraverso le stelle e nel mezzo si vede la luce azzurra dello scoppio centrale e tutti fanno ooohhh!” ( da On the Road, Jack Kerouac).

Sulle tracce di Kerouac estate 2014: A chi non ha abbandonato la strada, a chi si rialza dopo l’ennesima caduta, al vestito sgualcito, alla polvere che scrollo di dosso.

Livia Napolitano

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Diventa creativo e condividi  : nottetempoblog@gmail.com

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Autore: RADIO 100 passi Community Genova

Aristotele scrisse: “Gli uomini, all’inizio come adesso, hanno preso lo spunto per filosofare dalla meraviglia (thauma), poiché dapprincipio essi si stupivano dei fenomeni più semplici e di cui essi non sapevano rendersi conto, e poi, procedendo a poco a poco, si trovarono di fronte a problemi più complessi, come i fenomeni riguardanti la Luna, il Sole, le stelle e l’origine dell’universo”. Il mio non è un filosofare ma un continuare a meravigliarsi “thaumazein” .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...