Racconti in podcast: Giulia Cocchella in “Tre scatole di latta”

10577020_10152664606310960_4074246475088292645_nUn nuovo racconto del Collettivo linea S disponibile in podcast. Questa settimana abbiamo ascoltato “Tre scatole di latta” di Giulia Cocchella.

Giulia Cocchella si descrive così: Età anagrafica 33, età reale dieci in più o in meno a seconda delle circostanze. Una laurea in Storia dell’Arte con cui potrei fare animaletti ad origami e molti, disparatissimi, interessi.
Mi piacciono i libri belli, quelli che ti fanno venire voglia di leggere ancora. Mi piace andare in bicicletta, le giornate di sole, invitare i miei amici a cena e preparare loro cose buone. Mi piace scrivere e mandare in giro le mie parole, che talvolta tornano indietro, talvolta a qualcuno arrivano dritte e allora è un’emozione grande. Il Collettivo Linea S è nato nella mia cucina, che adesso, non so come spiegarvi, mi sembra il posto più bello.
Per seguirla nelle sue escursioni a pedali vi suggerisco di dare un’occhiata al suo blog : “A ruota libera”.
La musica utilizzata per il suo racconto arriva dalla Russia, con il brano dal titolo “Lilac”dei Pianochocolate.
La sigla di apertura di “da On the road a Onde road è dei Banana Spleen Band.
Vi aspettiamo ogni Martedì – GIovedì e Sabato alle 10,00 alle 16,00 e alle 22,00 su RadiolibriamociWeb la radio che ama chi legge.
Stay tuned!

Diventa creativo e condividi anche tu inviando al nostro indirizzo: nottetempoblog@gmail.com i tuoi racconti “On the road” che trasformeremo in “Onde road” .

L.N.

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Annunci

Autore: RADIO 100 passi Community Genova

Aristotele scrisse: “Gli uomini, all’inizio come adesso, hanno preso lo spunto per filosofare dalla meraviglia (thauma), poiché dapprincipio essi si stupivano dei fenomeni più semplici e di cui essi non sapevano rendersi conto, e poi, procedendo a poco a poco, si trovarono di fronte a problemi più complessi, come i fenomeni riguardanti la Luna, il Sole, le stelle e l’origine dell’universo”. Il mio non è un filosofare ma un continuare a meravigliarsi “thaumazein” .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...