Lirica Mente: la nuova rubrica di Nottetempoblog a cura di Marina Garaventa

luisa millerNottetempoblog inaugura una nuova rubrica dedicata all’Opera Lirica a cura di Marina Garaventa.
 Marina Garaventa cresciuta in una famiglia di musicisti, si è sempre occupata di musica e di organizzazione di spettacoli musicali, per e con i giovani, con l’Associazione Culturale Dafne, da lei fondata nel 1997.
La prima guida all’ascolto è dedicata “Luisa Miller”, opera lirica di Giuseppe Verdi che sarà trasmessa in diretta streaming dal Carlo Felice di Genova questa sera h.21,00 al seguente indirizzo : Carlo Felice in diretta streaming.
Guida all’ascolto:
Melodramma tragico in tre atti su libretto di Salvatore Cammarano, tratto dalla tragedia Kabala und Liebe di Friedrich Schiller
Prima rappresentazione: Napoli Teatro San Carlo, 8 dicembre 1849.
Bastano queste brevi note, per mettere subito in rilievo alcuni punti essenziali dell’intero lavoro di Giuseppe Verdi (1813-1901). Quello che, a ragione, viene definito come “il più grande drammaturgo italiano” e il più importante compositore del melodramma, comincia con “Luisa Miller” ad avvicinarsi alla grande stagione della maturità, che sfocerà nella Trilogia popolare (Rigoletto, Traviata e Trovatore). Innanzi tutto, la scelta di trarre il libretto dalla tragedia di Schiller, è tipica del bussetano che, in tutta la sua carriera, ambirà sempre a musicare vicende tratte da grandi autori. Da Hugo a Dumas, da Schiller a Shakespeare, Verdi trarrà quella forza drammatica che conferirà ai suoi personaggi grande spessore intimo e psicologico, cosa assolutamente nuova per il melodramma. Lasciate le grandi opere corali, come Nabucco, Verdi si concentra su un dramma borghese, con pochi personaggi, focalizzando il suo interesse soprattutto sulla protagonista, Luisa Miller( qui trama e libretto ). Musicalmente, l’orchestrazione si fa più raffinata che in passato, il recitativo più incisivo e va maturandosi l’equilibrio esatto fra musica e azione.
Altro particolare interessante è la data della prima rappresentazione, avvenuta a Napoli, nel 1949. Siamo in pieno periodo “rivoluzionario”: già ci sono state le Cinque giornate di Milano, i moti insurrezionali del ’48, la Repubblica Romana, la prima guerra d’indipendenza. Verdi, in continuo spostamento tra Parigi e Milano, seguirà con grande interesse questi eventi, passando da momenti di grande euforia a vere e proprie delusioni. Da poco tempo è diventata pubblica la sua relazione con Giuseppina Strepponi, celebre soprano, che gli resterà accanto per tutta la vita. I due, uniti anche nell’ideale patriottico di un’Italia unita e repubblicana, seguiranno le vicende italiane con sempre grande partecipazione.
Ecco cosa scriveva Verdi sull’insurrezione di Milano:
“Figurati se io voleva restare a Parigi sentendo una rivoluzione a Milano. Sono di là partito immediatamente sentita la notizia, ma io non ho potuto vedere che queste stupende barricate. Onore a questi prodi! onore a tutta l’Italia che in questo momento è veramente grande! L’ora è suonata, siine pur persuaso, della sua liberazione. È il popolo che la vuole: e quando il popolo vuole non avvi potere assoluto che le possa resistere… Sì, si ancora pochi anni forse pochi mesi e l’Italia sarò libera, una, repubblicana.” 
E dopo la fine della Repubblica di Roma:
“Non parliamo di Roma!!! A che gioverebbe! La forza ancora regge il mondo! La giustizia? A che serve contro le baionette! Noi non possiamo che piangere le nostre disgrazie, e maledire gli autori di tante sventure”.
Con questo stato d’animo e con una certa stanchezza, dovuta a molti anni di lavoro intensissimo e continuo, il Maestro affrontò la stesura di questo spartito, che, doveva scrivere per riparare una controversia col Teatro San Carlo, col quale aveva rescisso il contratto per rappresentare “La battaglia di Legnano”. L’opera fu accolta tiepidamente e ciò indispettì il Maestro, già iroso per alcuni dissapori con la Direzione, fino a spingerlo a giurare che non avrebbe più scritto per il San Carlo. E mantenne la parola.
Nonostante tutto, “Luisa Miller” resterà tra le opere di grande repertorio e verrà rappresentata in tutti i maggiori teatri del mondo.
Tra i brani particolarmente riusciti, va citato
“Quando le sere al placido”, aria di Rodolfo (tenore) – Atto II
In quell’anno:
Insurrezione a Roma e fuga di Pio IX a Gaeta
Proclamazione della repubblica romana, presieduta dal triumvirato Giuseppe Mazzini, Aurelio Saffi e Carlo Armellini
Il regno di Sardegna denuncia l’armistizio del 1848 e riprende la guerra contro l’Austria
Vittoria austriaca a Novara e armistizio a Vignale
Carlo Alberto abdica in favore del figlio Vittorio Emanuele II
Resistenza di Brescia
Intervento delle truppe francesi a Roma, comandate dal generale Oudinot. Ritorno del papa e fine della repubblica romana

Charles Dickens pubblica David Copperfield.
Guida all’ascolto a cura di Marina Garaventa
Nell’augurarvi una buona visione ecco l’anteprima delle prove generali
 
Nottetempoblog è un progetto divulgativo e partecipativo.
Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Annunci

Autore: RADIO 100 passi Community Genova

Aristotele scrisse: “Gli uomini, all’inizio come adesso, hanno preso lo spunto per filosofare dalla meraviglia (thauma), poiché dapprincipio essi si stupivano dei fenomeni più semplici e di cui essi non sapevano rendersi conto, e poi, procedendo a poco a poco, si trovarono di fronte a problemi più complessi, come i fenomeni riguardanti la Luna, il Sole, le stelle e l’origine dell’universo”. Il mio non è un filosofare ma un continuare a meravigliarsi “thaumazein” .

5 thoughts on “Lirica Mente: la nuova rubrica di Nottetempoblog a cura di Marina Garaventa”

    1. Grazie Diegod56, il nostro intento è quello di far conoscere la musica lirica e diffondere il più possibile la passione per l’opera, questo è reso possibile grazie alla disponibilità di una vera esperta del settore, Marina Garaventa. La sua collaborazione aggiunge qualità e ci onora.

      Mi piace

  1. Primo articolo che leggo sul vostro blog e già mi piace tantissimo!
    Complimenti, davvero molto interessante e istruttivo, speriamo che serva davvero a diffondere la passione per l’opera ovunque!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...