La poetica delle immagini di Fabio Giovinazzo contro l’omofobia

Fabio Giovinazzo«Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri?».

sono fotografo e filmaker. Amo il cinema e il mio più grande sogno è quello di riuscire ad affermarmi pienamente attraverso questo meraviglioso modo di fare arte. La mia è una regia che nasce da tutto quello che in me rimane nascosto agli occhi degli altri. E per altri, intendo il mondo che consuma il cinema attraverso l’essere spettatore: pubblico che giudica, amando ma anche detestando.

Ecco il mio nuovo film: Raccontare la propria omosessualità attraverso l’essere se stessi.

Pensarlo, scriverlo e dare ad esso forma con la mia poetica delle immagini: è forte in me la convinzione che l’arte cinematografica, se ben usata, possa diventare strumento potente ed efficace per lottare e sconfiggere ogni male della nostra società.

Ho imparato a fare le riprese guardando ogni genere di film, sono convinto che la migliore educazione al fare cinema sia cercare di realizzare un film da solo: la considero un’esperienza incredibile, ricca di soddisfazioni e di profondi insegnamenti.

Penso al mio film sul poeta Edoardo Sanguineti, alla mia opera successiva che ho chiamato “The Men in Blue”, al mio recente documentario sulla vita di un quasi centenario all’interno di una casa di riposo per ex marinai.

E ora la voglia di dare uno schiaffo all’omofobia. Un nuovo capitolo, una nuova storia, un nuovo guizzo della mia fantasia.

Tutti possono dare il proprio contributo al fine di permettere a questo film di vedere la luce: testimonianze di qualcosa che nel bene o nel male è rimasto dentro il cuore, ma anche una frase soltanto, una foto significativa, un gesto semplice ma di eloquenza perchè appartenente ad una rara sensibilità, l’espressione di un volto con o senza passato, un bacio dolcissimo, il mettersi in gioco con simpatia o attraverso le proprie passioni.

Il mio cinema è simile a un sogno o a una fiaba: e questo film non fuggirà da questa regola. Un’opera con la quale voglio raccontare l’omosessualità attraverso la gioia e il dolore, la spensieratezza e la malinconia. Perchè così è la vita.

Considerando me stesso un artista lirico, estroso e visionario, cerco nelle mie opere di dare vita a mondi fuori dall’ordinario sospesi tra sogno e realtà, psicoanalitici ma non banalmente provocatori. Tenendomi ai margini da tutto quello che il pubblico può oggi fruire con troppa semplicità, persisto con fermezza e costanza a perseguire la mia idea di arte.

Fabio Giovinazzo è laureato in Storia, vive e lavora a Genova. Ha partecipato a diverse rassegne Internazionali di fotografia e realizzato mostre personali e collettive.

Questo film puo’ crescere solo con la partecipazione di tutti. Anche la tua!

Per fornire la tua testimonianza e contribuire alla realizzazione del film scrivi a: nottetempoblog@gmail.com

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Annunci

Segui il battito di Love / Unlove

CUORE grafica Luca Serra

 Abbraccio, attesa, abbandono, verità, vie d’uscita. I frammenti d’amore di Roland Barthes nella performance Love/Unlove  concepita da Luca Serra, Marina Giardina e Olivia Giovannini per ReteDanzaContempoLigure, in scena con Davide Francesca, Cristiano Baricelli, Emilio Pozzolini e Technoir il 2 ottobre per la presentazione della stagione del Teatro della Tosse di Genova.

Un riflesso danzante delle varie figure del discorso amoroso di Barthes viste da parte dell’innamorato che parla tra sé e sé in un lungo delirio di fronte all’altro, che non c’è, oppure non parla.

Love / Unlove è un format artistico e sperimentale, un evento dove l’arte, la musica, la danza e la festa si mischiano senza soluzione di continuità.

LOVE/UNLOVE ha debuttato il 17 maggio 014 a La Claque in Agorà – Genova – all’interno di DanzaReTeatro, rassegna a cura di ReteDanzaContempoLigure.

La ReteDanzaContempoligure è un collettivo che riunisce coreografi, danzatori, operatori del mondo della danza contemporanea in Liguria 

INFO: www.danzacontempoligure.org

Il 12 ottobre la performance sarà parte della FaiMarathon di Milano (Casa Grifi, Via Valpetrosa 5)

INFO: http://www.faimarathon.it/marathons/155

Le date delle prossime performance saranno rese disponibili su Nottetempoblog e sui vari siti di riferimento.

Segui il battito di Love/Unlove !
www.oliviagiovannini.net
www.compagniafilo.it
vimeo.com/lucaserrra
FB: danzacontempoligure.org

Questo slideshow richiede JavaScript.

L.N.

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Otoño una poesia di Isabel Jimeno

autunnoOtoño

llega como un ángel ámbar en la quietud,

se desliza como la luz, con gracia,

sobre el cristal intacto de las fotografÍas.

Trae en la piel el perfume frío

que le dejó la noche,

se sienta en un banquito verde y oxidado

mientras sucede el alba

con la danza de las hojas que se marchan.

Isabel Jimeno

Autunno

arriva come un angelo ambrato nella quiete,

scivola come luce, con grazia,

sul cristallo intatto di fotografie.

Porta il profumo di freddo

che gli ha lasciato la notte,

si siede su uno sgabello verde e arrugginito

mentre accade l’alba

con la danza delle foglie che se ne vanno.

Isabel Jimeno

 Ascolta : Otoño del Océano di Ivann

Note sull’autrice:  Isabel Jimeno Benitez, in Italia dal 2011, ha studiato filosofia a Salamanca in Spagna,  prosegue i sui studi filosofici a Genova, poetessa e appassionata sostenitrice dei diritti umani, della democrazia e della libertà di espressione ha collaborato con Nottetempo in Una fiamma che brucia ancora e nell’ Omaggio a Paco De Lucia.

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

diventa creativo e condividi: nottetempoblog@gmail.com

Nottetempo presenta: “Aperture esposizione di pittura e scultura”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Francesca Bellati, Valeria Dapino, Giorgio Dapino e  Carla Protti  vi aspettano con le loro opere presso la Sala “A.Garibaldi ” di Nervi  dal 16 al 30 Giugno 2014 -h.10,00 / h.19,00

Abbiamo già in passato avuto modo di pubblicare alcuni lavori  di Francesca Bellati , in occasione della mostra “Nel dentro, nel fuori, nei sogni”. In questa nuova mostra insieme ai suoi lavori abbiamo avuto l’opportunità di conoscere i lavori di  di altri artisti  quali :

Valeria Dapino, che svolge la sua attività artistica nel campo della pittura e della scultura.

Il soggetto dominante nella sua ricerca pittorica è il paesaggio naturale, con un’attenzione particolare per la luce e per lo spazio, che coglie dipingendo esclusivamente dal vero .

Giorgio Dapino, che svolge la sua attività artistica nel campo della pittura, prediligendo le tecniche dell’acquarello, dell’olio e dell’incisione attraverso le quali affronta il tema del paesaggio e della figura principalmente con lo studio dal vero.

Carla Protti , che svolge la sua attività artistica nel campo della pittura e della scultura, in questa mostra sono esposte alcune delle sue particolari sculture di cartapesta .

 

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Diventa creativo,  tutelati e condividi : nottetempoblog@gmail.com

Marinella Gennari: Io sono il momento

La silloge poetica di Marinella Gennari su Nottetempoblog : Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri?

Io sono il momento
mi raccolgo per udire,
mi raccolgo per non perdere
il significato dei miei cinquant’anni.
Rido della vita
che mi ha insegnato
a non prenderla mai sul serio.
Piango quando mi porta il dono
di una nuova evoluzione.
Sostituisco i pezzi usurati dal tempo,
con altri più nuovi e innovativi.
Elaboro la velocità
per arrivare a nuove mete.
Attivo i tergicristalli a velocità moderata
per le nuove pioggie dei miei occhi.
Inserisco il turbo,
perchè il risparmio della benzina non m’interessa
di fronte alla felicità di essere viva.
Io voglio essere il momento,
in amicizia con una vita che mi vuole.
 
Marinella Gennari per me è Mimi,  l’ho conosciuta nella sua bottega di restauro a Termoli, tra l’odore del legno e quello del mare. Ero giovane, e in un paese dove non avevo radici, in quella bottega misi radici, radici che incontrarono il legno di cui Mimi curava le ferite. Era lì che mi recavo di solito dopo la giornata di quel lavoro che da Napoli mi aveva portato in quel paesino della provincia di Campobasso, del quale amavo l’antico borgo,  i trabucchi sul mare, le isole Tremiti di fronte.  Ricordo la difficoltà nell’entrare e spostarsi nella bottega stracolma di mobili: l’odore della colla, la serenità dei cani, i racconti di Mimi.  Ante, cassetti in disuso,  cornici scrostatate si animavano insieme alle storie dei grotteschi personaggi a cui quegli oggetti erano appartenuti. Sono trascorsi 12 anni da allora, entrambe siamo andate via da quel paesino della provincia di Campobasso, io a Genova lei a Palermo, al mare entrambe non potevamo rinunciare. Leggere le sue poesie oggi mi ha riportato in quella bottega, tra l’odore del legno e quello del mare. E tra le pagine  del libro che mi ha donato ritrovo l’opera di restauro a cui affascinata assistevo, non solo del legno Mimi cura le ferite, oggi Mimi è la restauratrice dell’anima. L.N.
Nostalgia
pensieri in cammino,
verso vecchie sensazioni,
ricordi che si aprono e si chiudono
per l’incapacità di contenere emozioni.
Persone che scorrono nella mente
come tempesta nel mare,
ricordi dei trascorsi insieme,
manifestazione dei sentimenti
passati mano nella mano.
Vacanze della propria mente,
nostalgia delle lacrime e dei sorrisi
di una quotidianità lontana,
ma mai rinnegata.
Quadri colorati indispensabili per il futuro.
Io sono ciò che scrivo, la quotidianità del passato rivista nel presente.
oggi sono la conclusione fortunata di un danno,
io sono qui che passeggio la vita
perchè sono di passaggio
sostengo il tempo che passa
e che mi porta il risarcimento di una vita strappata.
 
Entrambe le poesie di Marinella Gennari sono tratte dalla silloge Io sono il momento

Nottetempo is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Unported License

Diventa creativo,  tutelati e condividi : nottetempoblog@gmail.com